Indirizzo: Via Giovanni Pascoli, n° 1     Telefono: 0565.99002     Fax: 0565.904321     Email: comunemarcianamarina@postacert.toscana.it     P.IVA: 00179550496

Insediamento del Sindaco Allori e della sua Giunta

Comunicati Stampa    0 Commenti     23/06/2022

Il prossimo 27 giugno alle ore 17:30 sarà convocato il Consiglio Comunale per l’insediamento del Sindaco Gabriella Allori, riconfermata, con la sua Lista Civica Per Crescere Insieme, alle recenti elezioni amministrative del 12 giugno.

Il Consiglio Comunicale ratificherà inoltre i componenti della Giunta selezionati tra i consiglieri eletti che hanno ottenuto il maggior numero di voti di preferenza: Donatella Martorella, che continuerà a mantenere anche la carica di Vicesindaco, e Marco Carozzo, l’assessore più giovane tra gli eletti e scelta simbolica, ma di contenuto, per dare un impulso di modernità alla nuova Amministrazione.

I neo-componenti della Giunta Comunale riceveranno inoltre le deleghe rispettivamente: Martorella Politiche ambientali, Lavori Pubblici e Rapporti con il Personale mentre Carozzo avrà la responsabilità del Turismo, delle Politiche giovanili e le attività sportive.

Verranno inoltre confermate le deleghe assegnate dal Sindaco Allori anche agli altri Consiglieri Comunali: Vincenzo Tagliaferro sarà riconfermato nelle attività legate al Sociale e alla Sanità; Maria Cristina Terreni, anche lei riconfermata, avrà le responsabilità del Bilancio; il neo-eletto Francesco Giano avrà il compito della viabilità e di realizzare un progetto di digitalizzazione delle strutture pubblica e del paese; Santina Berti continuerà le sue attività di cura e supporto della Scuola mentre il neo-eletto Omar Gambini avrà l’onere dei rapporti per il Commercio e la Protezione Civile.

Il Sindaco Allori, nell’assegnazione delle cariche nel nuovo Consiglio Comunale, ha mantenuto in pieno quanto contenuto nel suo programma elettorale della Lista Civica Per Crescere Insieme rispettando così la volontà dei cittadini di Marciana Marina che l’hanno confermata alla guida del paese per altri cinque anni.

Torna all'inizio dei contenuti